Libri da gustare
 
   
 
 

 

La Ciao d’la Ca
 
 

LEGGI IL PROGRAMMA
La Ciao d'la Ca
Convegno Giovanni Arpino

Elenco editori presenti
Le eccellenze gastronomiche

libri da gustare

La motivazione del riconoscimento recita: “Con la ciao d’la ca si entra fra amici, tra gente che la pensa allo stesso modo. Nelle società agricole la consegna d’la ciao era sinonimo di maggiore età, di conquistata fiducia nei confronti del ragazzo diventato uomo. Dunque un rito carico di considerazione, fiducia e amicizia: ecco perché la Ca dj’ Amis ha istituito la consegna di una sua ciao, che viene assegnata ogni anno a un amico o a un’amica che, attraverso una serie di prove che dimostrano l’attaccamento alla propria terra, abbia contribuito all’esaltazione del proprio mondo. Un universo fatto di amore per i colori, per uno scritto, per una poesia, per tante altre cose che sgorgano, come dice il poeta, dal profondo dell’animo.
La ciao non vuole essere né un premio né una sorta di medaglia al primo della classe. È piuttosto un riconoscimento nei confronti del lavoro di un amico, italiano e non, per la propria terra. Quasi una stretta di mano. Cesare Pavese, uomo di queste parti, diceva che un paese è sapere che qualcuno ti aspetta. Ebbene, la Ca dj’Amis è questo paese e la ciao ne rappresenta il benvenuto”.

Nel corso degli anni sono stati molti i personaggi e le Istituzioni insigniti del riconoscimento. Ricordiamo tra i tanti: Piero Angela, Roberto Antonetto, Giovanni Arpino, Edoardo Ballone, Anna Bartolini, Gianluigi Beccaria, Pier Luigi Berbotto, Alberto Bevilacqua, Ernesto Caballo, Alberto Capatti, Giorgio Calabrese, Luigi Carluccio, Augusto Cavallari-Murat, Luigi Firpo, Bruno Geraci, Massimo Gramellini, Andreina Griseri, Pino Khail, Primo Levi, Gigi Marsico, Paolo Massobrio, Lorenzo Mondo, Massimo Montanari, Ottavio Missoni, Gianni Mura, Enrico Paulucci, Eso Peluzzi, Orlando Perera, Cesare Pillon, Jean Robert Pitte, Emilio Pozzi, Massimo Scaglione, Bruno Gambarotta, Mario Brusa, Giovanni Tesio; Arcigola Slow Food, Centro Studi Piemontesi, Cesmeo, Edizioni L’Arciere, Famija Albeisa, Premio Grinzane Cavour, Centro Pannunzio.

La Ciao d’la Ca 2007 verrà consegnata venerdì 25 maggio alle ore 17.00 a tre personaggi piemontesi: Piero Bianucci, scrittore, ricercatore e divulgatore scientifico, autore di molte pubblicazioni e responsabile di Tutto Scienze de La Stampa, Giorgetto Giugiaro, designer industriale di fama mondiale, e alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo nella figura della Presidente Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, per il lavoro svolto a favore della conoscenza dell’arte contemporanea e il sostegno rivolto ai giovani artisti nelle sedi di Torino e Guarene.

La cerimonia di premiazione avrà luogo presso l’Associazione Culturale Ca dj’Amis in via Vittorio Emanuele, 8 a La Morra (Cn).